Linea Sottile

Intuizione: come funziona e come si sviluppa

Hai un presentimento? Una voce interiore? 

In qualsiasi modo tu lo percepisci devi sapere che è scientificamente provato che prendi decisioni migliori quando ti affidi al tuo intuito.

In questo articolo andiamo a scoprire di più su questo argomento.

L’intuizione è una cosa strana in effetti.

Come per magia siamo in grado di prendere le decisioni migliori con meno informazioni.

Inoltre, ci permette di:

– Trovare il risultato di una difficoltà; 

– Avvertire in anticipo cosa accadrà;

– Percepire il vero stato fisico o psicologico di una persona;

– Capire immediatamente una situazione;

– Fare la scelta giusta;

– Essere ispirati;

– Anticipare un pericolo.

CHE COSA è L’INTUIZIONE?

L’essere umano ha a disposizione un’intelligenza favolosa! 

Presentimento, fiuto, sesto senso, feeling, vocina interiore, istinto, intelligenza intuitiva. 

Tutto questo è in grado di dirigerci verso una maggiore felicità!

Seguendo il nostro intuito siamo trasportati automaticamente nel flusso della vita.

Il suo ruolo è quello di farci vivere esperienze positive suggerendoci le risposte giuste!

Anche a te che stai leggendo, come a tutti, è sicuramente capitato di avere avuto il rimpianto di non aver dato ascolto alla tua “prima impressione”

Eh già! L’hai riconosciuta proprio nel momento in cui non l’hai seguita!

L’intuizione è un’attitudine naturale che presenta un carattere chiaro e veritiero.

L’informazione è quella giusta perché arriva con estrema chiarezza nella nostra mente. 

il suo unico difetto è che non si basa sulla razionalità, quindi, per seguirla dobbiamo dar prova di grande fiducia e coraggio. 

Anatomicamente tutto parte dal nostro Emisfero Destro, che:

– è lo specialista dell’immaginazione;

– è lo specialista della nostra capacità di sintesi;

Inoltre, ci offre accesso:

– al mondo delle emozioni 

– ai nostri cinque sensi 

-all’immaginazione dell’inconscio. 

Appena ci poniamo domande parte il processo intuitivo!

Con il passare dei giorni la nostra mente accumula e memorizza informazioni senza esserne consapevole. Tutte queste informazioni vanno a finire nell’inconscio, e in un particolare momento ne esce l’intuizione! È un processo immediato! È dovuto alla combinazione tra i nostri incontri, riflessioni, esperienze, insegnamenti, letture e film che guardiamo. Non è quindi dovuto al caso!

Ognuno di noi ha una modalità percettiva privilegiata che è importante individuare per amplificarla e soprattutto per riuscire a sollecitarla ulteriormente. 

Si manifesta quindi in modi specifici, sfruttando tre dei nostri canali sensoriali:

La prima è senz’altro quella uditiva. È quella vocina che ci sussurra parole nella nostra testa. Ci da una mano negli aspetti pratici della vita, dove ci offre direttive ben specifiche.

Quando all’improvviso pensiamo “Monia vai in quel luogo!” e quando ci vai incontri una persona che volevi proprio vedere. Oppure “Chiama quella persona” e durante la conversazione lei ti da un’informazione di cui avevi bisogno.

Il canale cinestetico è il secondo canale. È in grado di guidarci attraverso le impressioni, le sensazioni fisiche che vanno da quella gradevole a quella sgradevole. Può manifestarsi con mal di stomaco, una contrazione del torace, fino a un senso di malessere. Tutto dipende dalla situazione incontrata. Il nostro corpo è un messaggero straordinario per accedere al linguaggio intuitivo, con sensazioni fisiche accompagnate da sentimenti ed emozioni spesso intensi. 

Le persone predisposte così sono profondamente in contatto con le proprie emozioni. 

Sono per altro molto sensibili alle atmosfere nei luoghi, o in una stanza. 

Entrano quindi facilmente in simbiosi con l’ambiente. Possono avvertire lo stato di un’altra persona.

Intuizione visiva. Viene manifestata attraverso dei flash che si rivelano in maniera chiara nella mente. Questo canale è come un radar che riceve informazioni e riflette la nostra capacità di vedere. Questo tipo di intuito è in grado di vedere chiaramente delle immagini, dei simboli o delle scene. Ci da accesso così alla preveggenza e quindi alla possibilità di anticipare

“Vediamo” i fatti prima che accadano!

COME SI SVILUPPA?

1° Consiglio: RILASSATI

Smettila di pensare ci continuo a come risolvere un problema o una situazione!! 

Lasciati invece attraversare da tutte le emozioni che ti pervadono, e che, avevi cercato di sopprimere fino a quel momento, perché credevi fossero un ostacolo ai tuoi ragionamenti.

Non esiste un essere umano privo di intuito. Non possiamo pensare di poterne fare a meno. Ci può salvare in momenti di estrema difficoltà, quando la ragione si spegne e abbiamo pochi secondi per prendere una decisione vitale per noi. 

2° Consiglio: MEDITAZIONE

Prova a meditare, a guardare all’interno di te!

Farlo tutti i giorni ci aiuta a prendere consapevolezze degli inganni del nostro ego.

3°Consiglio: COLTIVA L’EMPATIA

La capacità di riconoscere e comprendere le emozioni degli altri. 

Nella pratica, questo addestramento si compie sia sforzandosi di vedere il mondo, i problemi, le soluzioni con gli occhi di chi ci sta intorno, sia approfondendo culture e contesti diversi da quelli a cui siamo abituati.

Concludiamo questo articolo con una citazione:

L’intuito è una bussola che non sbaglia mai direzione!

Silvia Zoncheddu-

E tu pensi di avere un buon Intuito? Raccontamelo qua sotto nei commenti.

Linea Sottile

1 commento su “Intuizione: come funziona e come si sviluppa”

  1. Aggiungerei anche che esistono due tipi di intuizione quella estroversa dove il soggetto riceve sensazioni dagli oggetti esterni e si mette in rapporto con essi in modo concreto e pratico, è in grado di riconoscere e fiutare tutto velocemente e poi agire di conseguenza relazionandosi con l’esterno. Il secondo tipo è invece quello introverso, si occupa di mettere ordine alle proprie idee interiori, senza occuparsi dei fatti oggettivi e partendo unicamente dai presupposti. Il tipo pensiero introverso scava nei propri pensieri, nei processi logici e nel modo in cui si formano le idee vive e ragiona dentro la sua testa agisce più lentamente di quello estroverso ma talvolta con la stessa efficacia dell’estroverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *